I cookie rendono possibile il corretto funzionamento del nostro portale. I cookie vengono utilizzati dai motori di ricerca per diversi scopi (analisi del traffico, erogazione di servizi, ecc.). Utilizzando il nostro portale dichiari il tacito consenso all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazione leggi la direttiva e-privacy UE.


Colpo d’aria: sintomatologia e cure

Un colpo d'aria, causato da un improvviso sbalzo di temperatura, può provocare una serie di disturbi, anche gravi, che possono interessare varie parti del corpo.

I sintomi più comuni sono: dolore agli occhi, che diventano rossi; dolore all'orecchio, che colpisce soprattutto il padiglione auricolare; contratture muscolari, in particolare nella zona del collo e della scapola. Quando viene colpito il collo si manifesta il torcicollo, che interessa soprattutto tutti coloro che soffrono di problemi alla cervicale. La rigidità muscolare può colpire pure la schiena.

Queste sono le conseguenze per tutti coloro che, prima di vestirsi, non tengono conto delle reali condizioni atmosferiche o si espongono a correnti fredde o all'aria condizionata.

Il colpo d'aria può portare anche a gravi conseguenze. Quando vengono esposti a lungo termine gli occhi essi possono essere colpiti anche da una congiuntivite. Quando viene interessato il padiglione auricolare i disturbi possono evolversi in otalgia e, con l'andar del tempo, in otite. Questo avviene quando il dolore persiste ed aumenta di intensità.

Il colpo d'aria può provocare anche il colpo della strega, un disturbo che causa un dolore improvviso che blocca i muscoli della schiena nel momento in cui una persona compie uno sforzo. Il colpo della strega si manifesta proprio quando ci si accinge a fare uno sforzo con una postura inadeguata quando la muscolatura è stata raffreddata proprio da una corrente d'aria.

Per rimediare questi problemi il riposo e fondamentale. Ciò non significa che bisogna rimanere immobili.

Brevetti per leggere il cervello

CuffiaSecondo un rapporto della compagnia Sharpbrain negli ultimi anni c'è stato un vero e proprio boom di tecnologie capaci di leggere nostro pensiero.

Si va, ad esempio, alla cuffia che comanda i videogiochi, alla cuffia che misura il grado di concentrazione di una persona. Questi sono solo due esempi perché la lista è molto lunga.

Il rapporto spiega che a creare il maggiore numero di brevetti in questo settore e la Nielsen, una compagnia di mercato, che ha 100 brevetti, mentre la compagnia di Bill Gates ne detiene 89 di brevetti.

SharpBrains Alvaro Fernandez, direttore della Nielsen, afferma che è iniziata una nuova era di tecnologia neuro-pervasiva. Egli spiega che questa tecnologia ha superato la medicina. Lo sviluppo di neurotecnologie, per migliorare la vita e il lavoro, da molte industrie non mediche.

Le tecnologie, attualmente disponibili, sono le più disparate.

Le noci sono anche l'elisir della longevità

NociLe proprietà delle noci, un frutto strettamente autunnale-invernale, sono davvero fenomenali.

Esse, che curiosamente hanno la medesima forma del nostro cervello, danno al nostro corpo un grande apporto di vitamine e di sali minerali.

Sono ricche di omega3, una potente sostanza dalle proprietà anti-invecchiamento: bastano 5-10 noci al giorno per assimilare la giusta quantità di OMEGA3 senza sottoporsi al rischio, molto frequente, di assimilare dosi di mercurio presenti nel pesce di mare.

Le noci sono un alimento per tutti: indispensabile per coloro che hanno scelto la dieta vegana, che non prevede alcun consumo di proteine animali, compreso il pesce; per i vegetariani le noci si sposano benissimo con la loro dieta; per coloro che mangiano di tutto le noci non sono certo da escludere ma sono essenziali visto che danno un elevato apporto di vitamine, sali minerali e acidi grassi. Questi ultimi sono conosciuti come 'acidi grassi essenziali' in quanto l'organismo li richiede e non ne può fare a meno.

È bene sapere che alcune parti del cervello sono composte soprattutto da omega3 per cui è importantissimo reintegrare con la dieta. Quando il cervello viene nutrito regolarmente con omega3 le probabilità che venga colpito da patologie legate all'invecchiamento, come depressione, Alzheimer, ecc., sono abbastanza scarse.

Controllare periodicamente la pressione arteriosa è molto importante

Nel sistema cardiocircolatorio il sangue esercita sulle pareti delle grandi arterie una forza chiamata pressione arteriosa. Il cuore compie dei cicli in modo ritmico e la pressione sale e scende seguendo questi cicli.

La pressione è massima nel momento in cui il cuore si contrae (sistole) per convogliare il sangue in circolo (pressione sistolica), ma quando il cuore si contrae per riempirsi di sangue (pressione diastolica) la pressione è minima. La pressione arteriosa ha un'unità di misura che è il millimetro (mm) di mercurio (Hg).

Quando i valori abituali di pressione sono uguali o superano i 90 mmHg di minima e/o i 140 mmHg di massima si conferma uno stato di ipertensione (pressione alta). I farmaci antiipertensivi di solito non sono necessari nel caso di ipertensione lieve: con una pressione diastolica il cui valore è compreso fra 90 e 95 mmHg e/o con una pressione sistolica il cui valore è compreso fra 140 e 160 mmHg. In tal caso si consiglia vivamente di modificare il proprio stile di vita: curare l'alimentazione; smettere di fumare; praticare uno sport; aumentare il contatto con la natura.

Perché bisogna controllare la pressione ?

Pagine