I cookie rendono possibile il corretto funzionamento del nostro portale. I cookie vengono utilizzati dai motori di ricerca per diversi scopi (analisi del traffico, erogazione di servizi, ecc.). Utilizzando il nostro portale dichiari il tacito consenso all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazione leggi la direttiva e-privacy UE.


Ictus-cerebrale: sintomatologia e prevenzione

L'ictus cerebrale, che è una delle cause di morte più importanti, colpisce gli over 60 ma i giovani non sono di certo risparmiati.

Si solito una persona colpita da un ictus cerebrale subisce un'invalidità permanente. Sono molto rari i casi in cui il paziente se la cava con danni minori.

Esistono due tipologie di ictus cerebrale:

1) Ischemia: rappresenta l'80 per cento dei casi è si manifesta con l'ostruzione di un vaso in seguito alla formazione di un trombo o un embolo (coagulo di sangue);

1) emorragia: rappresenta il 20 per cento dei casi e si manifesta con la rottura di un vaso che provoca la fuoriuscita del sangue con la conseguente inondazione del cervello.

Come si può scoprire l'ictus e come prevenirlo:

Le ragioni che scatenano questa patologia sono riconducibili ad un errato stile di vita: fumo, alcol. alimentazione scorretta. Fattori che conducono all'ipertensione arteriosa, alla stenosi caroteidea e al diabete mellito.

La dieta ottimale per chi soffre di ulcera

Tutti coloro che soffrono di ulcera devono curare scrupolosamente l'alimentazione. Ci sono alimenti che si possono mangiare ed altri da evitare.

Vanno seguite alcune regole: nel corso della giornata bisogna suddividere l'assunzione del cibo in piccoli pasti, né troppo caldi, né troppo freddi. I cibi, preferibilmente delicati e poco calorici, vanno masticati con cura e soprattutto con calma.

Tutti coloro che soffrono di ulcera non devono mai mangiare cibi che potrebbero provocare pesantezza o bruciore allo stomaco. La dieta da seguire deve prevedere cibi leggeri e poco calorici come i cereali e le verdure.

Lo stomaco affetto da ulcera digerisce bene: le carote, l'insalata verde, i pomodori, i piselli, le zucchine e i fagiolini. Tutte verdure ricche di vitamine e sali minerali. Lo yogurt è ben tollerato, come pure i dolci alla frutta senza panna o a base di pasta frolla.

Non vanno assolutamente trascurate le modalità di preparazione delle pietanze.

La dieta disintossicante prima delle feste

Prepararsi per il Natale con una dieta depurativa è importante per disintossicare il nostro organismo dalle sostanze che di sovente introduciamo mediante scelte alimentari molto poco appropriate. Per ridurre le tossine, che circolano nel nostro organismo, bisogna scegliere un’alimentazione sana basata su cibi ad elevata digeribilità come la frutta e la verdura di stagione evitando assolutamente i cibi eccessivamente salati, i fritti, le carni grasse, i salumi, il caffè, i dolciumi.

Una dieta salutare consente di mettere il proprio fegato nella condizione di potersi disintossicare. Prima delle abbuffate natalizie bisogna fare ad una dieta disintossicante che possa smaltire tutte le sostanze nocive che, con il tempo, ci hanno causato problemi di sovrappeso e intolleranze.

Vanno favoriti tutti quegli alimenti che favoriscono la pulizia del colon come la frutta e la verdura. In particolare, per citarne alcuni: prugne, spremute di agrumi, ananas, succo d’uva, prezzemolo, cetrioli, cocomeri. Non bisogna dimenticare di bere almeno due litri d’acqua al giorno e delle tisane di tè verde, che favoriscono il drenaggio.

Esempio di menu ideale per prepararsi al Natale

Al risveglio un bel bicchiere d'acqua con un po' di succo di limone. Non deve mancare a colazione una tazza di tè verde, che aiutano a drenare. Poi uno yogurt scremato con 3 cucchiai di cereali integrali e una fetta d'ananas.

A pranzo: pasta integrale, o grano saraceno, o riso, un'abbondante insalata mista, legumi, frutta. Per coloro che mangiano carne: del pesce azzurro.

Si prevengono le infezioni anche con l'igiene delle mani

Igiene delle maniL'igiene delle mani è peculiare per la prevenzione dalle infezioni.

Le linee guide da seguire parlano chiaro: lavare con cura le mani più volte al giorno significa salvaguardare la propria salute. Con le mani ci si mette di continuo in contatto con il mondo esterno ricco di germi e batteri responsabili anche di gravi patologie.

Quando sono sporche le mani vanno di sicuro lavate, ma non solo: quando si entra in casa vanno assolutamente lavate, prima di toccare qualsiasi cosa situata all'interno della propria abitazione. Anche prima di consumare ogni pasto bisogna lavarsi le mani. Dopo essersi soffiati il naso possiamo diventare veicolo di contagio e quindi lavarsi le mani significa rispetta la salute di chi verrà a contatto con noi.

Con lo scopo di allontanare il pericolo di contaminarsi, quando si frequentano posti affollati non ci si deve dimenticare di lavarsi le mani. I posti più soggetti a contaminazione sono: metropolitane, stazioni, bar, aeroporti, supermercati (attenzione al manico del carrello della spesa!) e i bagni pubblici. Bisogna stare attenti anche agli animali: dopo aver accarezzato gatti, cani e altri animali è utile provvedere alla pulizia delle nostre mani. Prima di procedere nel curare una ferita le mani devono essere accuratamente lavate.

Come si fa a lavarsi le mani?

Pagine