Prevenzione

Colpo d’aria: sintomatologia e cure

Un colpo d'aria, causato da un improvviso sbalzo di temperatura, può provocare una serie di disturbi, anche gravi, che possono interessare varie parti del corpo.

I sintomi più comuni sono: dolore agli occhi, che diventano rossi; dolore all'orecchio, che colpisce soprattutto il padiglione auricolare; contratture muscolari, in particolare nella zona del collo e della scapola. Quando viene colpito il collo si manifesta il torcicollo, che interessa soprattutto tutti coloro che soffrono di problemi alla cervicale. La rigidità muscolare può colpire pure la schiena.

Queste sono le conseguenze per tutti coloro che, prima di vestirsi, non tengono conto delle reali condizioni atmosferiche o si espongono a correnti fredde o all'aria condizionata.

Il colpo d'aria può portare anche a gravi conseguenze. Quando vengono esposti a lungo termine gli occhi essi possono essere colpiti anche da una congiuntivite. Quando viene interessato il padiglione auricolare i disturbi possono evolversi in otalgia e, con l'andar del tempo, in otite. Questo avviene quando il dolore persiste ed aumenta di intensità.

Il colpo d'aria può provocare anche il colpo della strega, un disturbo che causa un dolore improvviso che blocca i muscoli della schiena nel momento in cui una persona compie uno sforzo. Il colpo della strega si manifesta proprio quando ci si accinge a fare uno sforzo con una postura inadeguata quando la muscolatura è stata raffreddata proprio da una corrente d'aria.

Per rimediare questi problemi il riposo e fondamentale. Ciò non significa che bisogna rimanere immobili.

Controllare periodicamente la pressione arteriosa è molto importante

Nel sistema cardiocircolatorio il sangue esercita sulle pareti delle grandi arterie una forza chiamata pressione arteriosa. Il cuore compie dei cicli in modo ritmico e la pressione sale e scende seguendo questi cicli.

La pressione è massima nel momento in cui il cuore si contrae (sistole) per convogliare il sangue in circolo (pressione sistolica), ma quando il cuore si contrae per riempirsi di sangue (pressione diastolica) la pressione è minima. La pressione arteriosa ha un'unità di misura che è il millimetro (mm) di mercurio (Hg).

Quando i valori abituali di pressione sono uguali o superano i 90 mmHg di minima e/o i 140 mmHg di massima si conferma uno stato di ipertensione (pressione alta). I farmaci antiipertensivi di solito non sono necessari nel caso di ipertensione lieve: con una pressione diastolica il cui valore è compreso fra 90 e 95 mmHg e/o con una pressione sistolica il cui valore è compreso fra 140 e 160 mmHg. In tal caso si consiglia vivamente di modificare il proprio stile di vita: curare l'alimentazione; smettere di fumare; praticare uno sport; aumentare il contatto con la natura.

Perché bisogna controllare la pressione ?

Come tenere lontane le zanzare con l'alimentazione

Aglio pompelmo peperoncini
Molti non sanno che le zanzare possono essere sconfitte a tavola, senza utilizzare alcun spray.

Esistono infatti 5 cibi che possono allontanare le zanzare.

Vediamo quali:

Il pompelmo:

Il pompelmo contiene una sostanza naturale che si chiama “nootkatone” dal forte potere insetticida.

Può essere mangiato naturale o sotto forma di spremuta ma il suo potere non viene sminuito.

L'aglio:

L'aglio contiene una sostanza attiva L' “allucina” che è un potente repellente naturale contro le zanzare. L' “allucina” viene eliminata anche attraverso il sudore dando alla pelle un odore sgradevole e quindi non gradevole alle zanzare.

Bastano 2 o 3 spicchi al giorno per garantirsi una giornata senza zanzare.

Pagine